Make your own free website on Tripod.com

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 
Piazza Duomo di Trento

Via Belenzani - 21 Settembre 2003

LO STRUDELONE

Più di 15 mila fette di strudel vendute, un bel po' di euro raccolti a favore della Lega per la Lotta contro i Tumori, per una piazza Duomo e via Belenzani invase da circa venti mila visitatori a ciclo continuo. Si è chiuso con il botto dello "strudelone" di beneficenza, il primo dei tre appuntamenti dell'Autunno Trentino 2003, il «Festival
dello strudel, del moscato e del vino santo». 

 

Immagine 001.jpg (76751 byte)  Immagine 002.jpg (73135 byte)  Immagine 003.jpg (70308 byte)  Immagine 004.jpg (75087 byte)  Immagine 028.jpg (74337 byte)

Uno strudelone che ha portato in centro città una gran folla, fra trentini e turisti. Fin dall'alba si sono messi al lavoro 127 Alpini della sinistra e destra Adige, per preparare il chilometro di strudel insieme ai panificatori del Sosi e a un folto gruppo di volontari. «È stata una bella giornata, forse anche troppo dal punto di vista climatico con molta gente che è andata al lago. Fare questo strudel ha comportato un grande lavoro per tutti, a partire da un gruppetto di Alpini intorno agli ottant'anni che non si sono comunque tirati indietro, nemmeno davanti al caldo». Una giornata anche troppo afosa, come dimostrano i sei litri di vino e le nove casse di acqua minerale bevute dai volontari.  

 

Agli oltre 15 mila euro raccolti dovranno ora essere sottratte alcune spese per l'acquisto dei materiali, ma per le attività della Lega contro i Tumori verrà devoluta una cifra davvero sostanziosa. Fra le migliaia di persone che hanno affollato il centro storico molti i turisti, provenienti soprattutto da Veneto, Lombardia, Lazio, Umbria ed anche da Austria e Svizzera. Un "circuito" di visitatori che si sono suddivisi anche sugli altri poli attrattivi della città, la Corte di Bacco in via Belenzani 

e le casette di piazza Fiera e Battisti. La serata poi è stata all'insegna della musica e dell'animazione, anch'essa nel segno della tranquillità, che ha tenuto banco in piazza Fiera. È stata una giornata bellissima, tutta la città ha vissuto serenamente e tranquillamente questa manifestazione. È un appuntamento che chiude questa prima parte dell'Autunno Trentino, resa possibile dal gran lavoro anche degli operai e dei dirigenti di tutti i.....

..servizi comunali, che si inserisce perfettamente nella sua filosofia. Ovvero di una città capoluogo sempre più vetrina promozionale per i prodotti di tutta la provincia ». Un successo, quello dello strudelone, che bissa quello dell'anno scorso, anche se qualcosa in futuro potrebbe cambiare e lasciare spazio a nuove iniziative. E adesso arrivano solo pochi giorni di pausa, visto che l'Autunno Trentino edizione 2003 riprenderà giovedì 25 settembre, con l'apertura del « Festival della Polenta e dei Funghi ».

 

  Immagine 028.jpg (74337 byte) Immagine 033.jpg (66179 byte) Immagine 034.jpg (70264 byte) Immagine 035.jpg (72413 byte) Immagine 036.jpg (73423 byte) Immagine 037.jpg (64026 byte)

Immagine 038.jpg (69197 byte) Immagine 040.jpg (73806 byte) Immagine 041.jpg (75793 byte) Immagine 043.jpg (77759 byte) Immagine 044.jpg (75582 byte) Immagine 045.jpg (73514 byte)

Come è bella la città. E allegra in questa domenica di sole e di azzurro. Si riempie a poco a poco, quasi sommessamente, e prende vita. Prende i colori allegri di roteanti passeggini attorno ai quali si assiepano mamme e nonni, fratelli al seguito e papà. Prende i colori vivaci di ragazzi, a grappoli, che ridono di gusto, come i colori di turisti che, cartina di Trento alla mano, girano con lo sguardo curioso. E sono molti anche gli anziani e i disabili che si godono, in pace, questo quieto pomeriggio settembrino.
Tutti hanno in mano una fragrante fetta di strudel. Alcuni fanno scorta per amici e familiari e si allontanano con vassoi profumati. E´ la giornata dello "strudelone", l´iniziativa di beneficenza, organizzata, nell´ambito delle manifestazioni di Autunno Trentino 2003, dagli alpini di Trento e dal panificio Sosi, con la collaborazione di molti enti e associazioni. Il ricavato andrà a favore della Lega trentina per la lotta contro i tumori che ha colorato la città di palloncini. I preparativi fervono fin dalle prime ore del mattino. Le tavole dalle vivaci tovaglie rosse, formano un labirinto lungo un chilometro, che si snoda da piazza Duomo lungo via Belenzani. Sopra vengono disposti più di mille tranci di strudel. Una catena di 15.000 porzioni tagliate e inzuccherate, pronte per essere gustate. Stefano Sosi, il titolare del panificio che ha preparato il dolce, è lì con i suoi collaboratori. "Abbiamo lavorato tutto il sabato, unica giornata di riposo per i miei dipendenti. Grazie alla loro disponibilità l´organizzazione è stata curata al meglio e stamattina alcuni di loro erano qui volontariamente per completare gli ultimi preparativi". Queste iniziative nascono dal contributo e dalle idee di tutti i soggetti coinvolti. Sono possibili grazie alla professionalità e generosità di quanti sia tra i dipendenti comunali, come pure fra gli alpini e gli amici delle associazioni, mettono tempo ed energie per la comunità. Sono queste occasioni preziose per promuovere i prodotti trentini nella convinzione che la strada da seguire è quella di valorizzare le tradizioni, le radici, le emozioni legate alla nostra terra e alla nostra storia, puntando a prodotti che inseriscano il trentino in un circuito di turismo eno - gastronomico di qualità. 

In un´atmosfera allietata dalla musica, chi è di passaggio chi sorpreso, chi informato al dettaglio. E si gusta una buona fetta di dolce anche un gruppo di studenti albanesi, a Trento per seguire corsi universitari. Una mamma distribuisce strudel a bambini che le saltellano intorno. 

Immagine 046.jpg (65878 byte) Immagine 047.jpg (79374 byte) Immagine 048.jpg (67852 byte)  Immagine 049.jpg (73568 byte)  Immagine 028.jpg (74337 byte)Immagine 029.jpg (140522 byte)

E quando è sera e la giornata sta per chiudersi, le porzioni di strudel vendute sono quasi 15 mila. Piena soddisfazione per gli organizzatori e segno di una città che sa coinvolgere e attirare, che sa offrire un´atmosfera tranquilla, un´occasione d´incontro tra persone, gusti e sapori. Uno spazio godibile, a misura di tutti.